Dimensione Volontario

dimensione-volontarioVenerdì 02 Dicembre si è tenuto, presso l’Aula T2 del Polo Zanotto – Università degli studi di Verona, un interessantissimo convegno dal titolo :


“Dimensione Volontario. I fattori che favoriscono impegno e permanenza nelle organizzazioni di volontariato”


Il dibattito,  articolato con vari argomenti su tutta la giornata, ha preso le mosse dai risultati della ricerca Dimensione Volontario , ideata e realizzata grazie alla collaborazione tra il Centro Servizio per il Volontariato di Verona con alcune Organizzazioni di volontariato e il Dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia dell’Università degli Studi di Verona.

Il progetto si è posto l’obiettivo di comprendere quali siano i fattori (individuali e organizzativi) che favoriscono il benessere organizzativo nell’ambito del volontariato, così come la soddisfazione e l’impegno del singolo volontario. Il progetto si connota come una ricerca-azione per promuovere ciò che può favorire impegno e adesione dei singoli.

Le Associazioni che hanno aderito a questa ricerca, rendendosi disponibili ai focus groups organizzati dai ricercatori, sono state : ABIO, AUSER, CAV Legnago e S.O.S., che sono state chiamate a condividere con la platea le motivazioni e le sensazioni che hanno vissuto nel corso di questa esperienza.

Il dibattito ha toccato la Dimensione Volontario su moltissimi aspetti : sociologici, antropologici, filosofici ed economici. Ne è uscita una giornata dedicata al volontariato molto varia, stimolante e stucchevole dal punto di vista delle riflessioni che ha indotto nei presenti (in gran parte volontari).

Nel pomeriggio sono stati presentati, dai ricercatori dell’Università Dott.ssa Anna Maria Meneghini e Dott. Diego Romaioli, i risultati dell’indagine condotta sulle Associazioni Veronesi. A breve, sul sito di CSV Verona, usciranno ulteriori informazioni riguardo la giornata e l’indagine.

I ricercatori si renderanno successivamente disponibili a relazionare ogni singola realtà circa i risultati specifici propri. Avremo modo di organizzare un evento a tema in cui cercheremo di coinvolgere i nostri volontari in questa presentazione.


Come S.O.S. siamo felici di aver partecipato a questa iniziativa ed aver dato il nostro fattivo contributo. Un sincero ringraziamento va, oltre al CSV di Verona e all’Università di Verona , a tutti i volontari che con impegno personale, pazienza e abnegazione si sono resi disponibili a questa iniziativa. Alla fine tra ex volontari (bella questa cosa !), soccorritori e membri del direttivo, sono state intervistate 50 persone . Un impegno rilevante !


La considerazione finale è che ben vengano iniziative di questo tipo che ci aiutano ad aprirci al confronto, al dialogo, alla riflessione e, in ultima analisi, al miglioramento. Sono iniziative che spingono al fare rete e al fare sistema.


In questi tempi e nei tempi che verranno sarà necessario e vitale puntare con decisione a questi fattori.