S.O.S. Servizio Operativo Sanitario

Il S.O.S : un faro nei momenti di difficoltà e crisi sociali

Logo SOSCara/o Amica/o del  S.O.S. ,

 

la festivita’ Natalizia e l’arrivo del Nuovo Anno rappresentano sempre un momento importante e coinvolgente per ricordare con affetto tutti i nostri amici. E per raccontare loro delle tante iniziative e dei risultati che abbiamo raggiunto.

Il 2011 che sta per concludersi porta con se’ la certezza che il S.O.S. prosegue, con ininterrotto entusiasmo e voglia di costruire, la sua missione. All’insegna della continuita’

E’ un anno pero’ che insinua anche molti dubbi e incertezze. La crisi economica sta mettendo a dura prova le famiglie, le aziende, le pubbliche amministrazioni e anche le Associazioni di Volontariato.

 

Nonostante le difficolta’ il 2011 ci ha visto portare a termine un importante progetto : con il contribuito della Regione Veneto, abbiamo completato l’acquisto di una Cucina da Campo, un presidio di prima necessità che va a completare il parco mezzi in dotazione alla nostra Protezione Civile.

Con tale presidio abbiamo raggiunto una elevata capacità di sostegno a situazioni di difficoltà o di calamita’ che potrebbero colpire il nostro paese. La cucina e’ in grado di garantire la preparazione di più di 200 pasti caldi l’ora.

 

Un altro passo importante e’ stato compiuto nel miglioramento di uno degli ambiti piu’ importanti del nostro operare quotidiano : la formazione degli operatori.

Abbiamo concluso infatti un accordo di collaborazione con il Centro Formazione IRC di Verona. IRC (Italian Resuscitation Council) e’ un organismo che ha lo scopo primario di diffondere la cultura e l’organizzazione della rianimazione cardipolmonare in Italia. Il CdF Verona e’ quindi una emanazione di IRC e i professionisti che vi operano ci permettono di erogare in maniera autonoma corsi specialistici sia per gli operatori di S.O.S. sia per operatori di altre organizzazioni.

Questa opportunita’ ci permette di mantenere sempre ad alto livello la preparazione dei nostri volontari. E’ una delle cose che ci preme di piu’: vogliamo affrontare le necessita’ e le difficolta’ dei cittadini della nostra comunita’ con elevati standard di professionalita e preparazione.

 

Prosegue, durante tutto l’anno, il corso di formazione BLS-D intercroci, che, oltre al S.O.S., vede la partecipazione di altre associazioni di volontariato di primo soccorso della provincia e che gode del finanziamento del CSV di Verona. Nel corso degli anni abbiamo formato e certificato un numero impressionante di volontari alla pratica della defibrillazione precoce, una tecnica  estremamente efficace ed importante ai fini della positiva risoluzione di una delle maggiori cause di morte improvvisa nella vita di tutti i giorni.

 

A Settembre, nell’ottica di portare in Associazione nuove forze e per far fronte al fisiologico turnover di volontari, abbiamo iniziato un nuovo corso per Soccorritori di ambulanza, che si concludera’ a Febbraio 2012. Un nutrito numero di partecipanti ci fa ben sperare di accogliere, alla scadenza, tanti nuovi volontari, che gradualmente inseriremo nei nostri equipaggi. 

 

Sempre a Settembre abbiamo ottenuto il rinnovo del marchio Merita Fiducia, un importante marchio etico regionale promosso dalla Federazione del Volontariato di Verona ONLUS (ente gestore CSV). Merita Fiducia, attraverso un percorso di valutazione in seno all’Associazione, evidenzia la correttezza nella gestione dei fondi raccolti e della gestione documentale (bilanci, progetti, ecc). Mai come di questi tempi e’ opportuno essere trasparenti e precisi nella rendicontazione verso i tutti gli stakeholders dell’organizzazione.

 

Emerge, da queste righe, una delle caratteristiche che ci contraddistingue: la grande dinamicita’ e l’apertura alle novita’ e alle sfide. Le opportunita’ di far crescere il valore di S.O.S., che di volta in volta incontriamo sulla nostra strada,  sono uno stimolo eccezionale per la nostra voglia di migliorarci… E di riflesso il servizio rivolto alla nostra comunita’ migliora giorno per giorno.

 

Si diceva all’inizio di questa lettera della perdurante crisi socio economica e di come questa stia incidendo profondamente sui fondamentali della nostra societa’.

Sappiamo bene, e lo stiamo vivendo sulla nostra pelle, che ottenere sostegno alla nostra attivita’ e ai nostri progetti puo’ risultare molto difficile di questi tempi. E’ per questo che, giorno per giorno, non ci perdiamo d’animo e ci impegniamo alacremente in tutte le iniziative di autofinanziamento che ci permettono di portare sostegno alla nostre casse. Reattivi di fronte agli ostacoli e sempre pronti a relazionarci con correttezza e riconoscenza nei confronti di chi ci sostiene comunque, aldila’ delle difficolta’ del momento.

Il sostegno della nostra passione però ci fa guardare sempre e comunque avanti. E’ proprio nei momenti di grande crisi che diventa importante aggrapparsi con forza a valori ed esempi positivi. Al S.O.S. non mancano ne gli uni ne gli altri.

 

Il S.O.S  come faro nei momenti di difficoltà e crisi sociali  ? Forse sarebbe un pò presuntuoso affermare ciò… Ma sicuramente possiamo dire che questa è la percezione che noi membri della famiglia S.O.S. abbiamo.. E che questa è anche la percezione che hanno tutte le persone che , a vario titolo, si sono avvicinate alla nostra realtà.. O per affetto e amicizia o in momenti di difficoltà personale cercando sostegno e aiuto. Nei momenti duri stare uniti, stringere i denti assieme, fare appello al senso di amicizia e solidarietà che ci lega, non venir mai meno al senso di correttezza e giustezza che caratterizza il nostro operato, far sentire l’affetto e la vicinanza sia ai colleghi e alle persone che hanno bisogno di noi, rappresentano la via per guardare con rinnovata fiducia al futuro. 

Siamo orgogliosi di quello che facciamo giorno per giorno !

Concludo con un pensiero di un noto scrittore contemporaneo, che abbiamo adottato per i nostri biglietti di Auguri Natalizi :

 

“ogni essere umano ha dentrò di sè qualcosa di più importante di se stesso : il proprio dono

(Paulho Coelho)”

Con cordialita’ e riconoscenza.

 

Il Presidente

Alfredo Cottini