Auguri di Buone Feste. Il saluto del Presidente

candele-di-nataleÈ passato un altro anno, il 2014 se ne sta andando e il 2015 sta per arrivare.

Com’è stato il 2014 per il SOS? Tirando una riga per fare la somma direi positivo.

Diversi sono stati gli eventi che hanno caratterizzato positivamente quest’anno.

Oltre alle “quotidiane” attività, quali i servizi con le nostre ambulanze e gli interventi della nostra squadra di protezione Civile, numerosissime sono state le attività di formazione e aggiornamento per i nostri Volontari, per questo molto impegnati e attenti.

 

Un aspetto importante che ha caratterizzato il 2014 è stato l’inizio di una collaborazione con le scuole del nostro Comune. Insieme all’Assessorato per la scuola, i Dirigenti scolastici e gli Insegnanti stiamo portando negli asili, nelle scuole materne, nelle scuole elementari e medie del nostro territorio momenti di formazione rivolta ai ragazzi e ai loro genitori. Formazione su argomenti di protezione civile, sui princìpi del primo soccorso, sulle tecniche di distruzione delle vie aeree in età pediatrica. La partecipazione e l’entusiasmo che incontriamo ci fanno estremamente piacere e ci rendono fiduciosi che siamo solo agli inizi e che queste attività potranno essere ripetute anche nei prossimi anni scolastici. Naturalmente alcune attività sono ancora da svolgere e lo saranno con il prosieguo dell’anno scolastico in corso.

 

Quest’anno ha visto nascere nel nostro Comune, sotto il cappello di Proloco e in strettissima collaborazione con l’Amministrazione Comunale, un forte sodalizio tra le Associazioni, a cadenza quasi mensile viene indetta una riunione di coordinamento e quest’anno, con la collaborazione e il finanziamento del CSV (Centro Servizio per il Volontariato) di Verona, verrà portato avanti un progetto dal titolo “Associazioni in rete”, titolo che spiega tutto. Il progetto riguarda corsi e incontri di formazione per i responsabili delle nostre Associazioni e un’iniziativa per creare un sistema informativo verso la popolazione sulle attività e sulle iniziative delle varie Associazioni.

SOS, per sua indole e caratteristica, ha sempre creduto molto nella progettualità e soprattutto di questo tipo che mette al tavolo più Associazioni che, anche se con attività diversa, hanno in comune intenti, problemi, esigenze e bisogno di risorse esterne. Quindi mettere in comune le idee ma soprattutto gli sforzi e l’impegno rende la vita più facile.

 

È stato portato a termine anche il progetto dell’Amministrazione di Sona riguardante la dotazione del territorio e dei siti sensibili (scuole, impianti sportivi, ecc.) con defibrillatori semiautomatici (DAE). La nostra Associazione è stata coinvolta come consulente per l’acquisto dei DAE e per la formazione tecnica degli addetti attraverso il nostro centro IRC. La stessa iniziativa è stata realizzata e voluta fortemente anche dal circolo NOI di Lugagnano che ha dotato le zone e le aree parrocchiali di Lugagnano di un defibrillatore e formato una quindicina di persone.

 

Il 2014 è stato l’anno del decimo compleanno della nostra preziosissima Squadra di Protezione Civile nata appunto nel 2004. Volendo dedicare due righe nel bilancio di fine anno ho chiesto a Nicola, coordinatore della squadra, di mettermi giù un elenco delle varie attività svolte nel 2014. Mi ha mandato una mail lunga due pagine e non qui  tutte elencabili. La cosa però dimostra, anche se non c’erano dubbi, quanto preziosa e operosa sia la nostra squadra di Protezione Civile. Due attività su tutte da ricordare. La prima è il corso di formazione appena chiuso che ha visto l’ingresso in Associazione di una dozzina di Volontari nuovi tecnici di Protezione Civile. La seconda è la serie di incontri svolti nelle scuole elementari inserite nel progetto formativo che prima ho menzionato.

Questi dieci anni di Protezione Civile sono stati festeggiati il 4 e il 5 ottobre con una bellissima festa, della quale abbiamo un bellissimo ricordo per l’ospitalità e collaborazione con le Associazioni e la Gente di San Giorgio in Salici.

Nell’occasione di questi due giorni è stata inaugurata la nostra nuova ambulanza, nata e venuta alla luce, come abbiamo già avuto modo di raccontare, con una serie di innumerevoli attestazioni di stima e donazioni da parte di tutte le componenti del nostro tessuto sociale, Enti, Associazioni, Ditte e privati Cittadini. Non ci stancheremo mai di ringraziarli tutti.

 

Programmi per il 2015? È difficile farli. Il primo che affronteremo è il 17° corso di Formazione per Soccorritori che inizierà il 12 gennaio con la serata di presentazione alla casa dello Scout di Lugagnano, al quale invitiamo tutti quelli che vogliono conoscere il mondo SOS e farne parte.

Un altro obiettivo sarà quello di rafforzare la collaborazione e la partecipazione con UNI.VER.SO., anzi con l’occasione saluto e ringrazio il Presidente e il Consiglio Direttivo.

L’anno scorso poi ci eravamo posti l’obiettivo di rafforzare i rapporti con la nostra Amministrazione, con le Scuole, con le altre Associazioni. Credo che nel 2014 SOS si sia mosso su questa strada e che sia anche uno degli obiettivi principali da porci per il 2015, anzi deve essere un obiettivo da fissare nel calendario dei prossimi anni.

Io sono sempre più convinto che le Associazioni di Volontariato hanno un ruolo importante soprattutto nei momenti difficili e devono mettere a disposizione di tutti le proprie capacità le proprie eccellenze, non chiudersi su sé stesse, far rete tra loro.

I momenti difficili ci sono per tutti anche per noi Associazioni di Volontariato. Raccogliere fondi, ricevere donazioni è sempre più difficile.

Noi Volontari, noi amministratori di Associazioni di Volontariato dobbiamo tener e mettere sempre in primo piano lo scopo perché facciamo Volontariato. Ricordare sempre che se diamo riceviamo e se diamo quel qualcosa in più riceviamo quel qualcosa in più.

Dall’altra parte gli Enti e le Amministrazioni, con le quali il Volontariato collabora o ha delle convenzioni, devono capire che se fanno qualcosa, se danno qualcosa in più alle Associazioni, questo ricadrà per forza di cose sul proprio territorio sotto forma di servizio. Non tutti gli amministratori hanno ben chiaro questo, molto spesso guardano solo al risparmio istantaneo e cogente, sicuramente pressati dal risultato di bilancio o dalla famigerata spending review. Parlare e collaborare diventa quindi importante, come importate è sicuramente capire le esigenze di una e dell’altra parte. Il punto di incontro si trova sempre.

 

Quest’anno per il SOS è stato anche un periodo triste. Abbiamo subito la perdita di due belle figure come Giuseppe e, da poco, Roberto. Sono momenti che non si vorrebbero mai affrontare ma con cui purtroppo bisogna fare i conti. Il nostro pensiero, in questo momento di festività per tutti, è rivolto sicuramente a loro due e alle loro famiglie, alle quali mandiamo il nostro ideale abbraccio e alle quali diciamo che le porte del SOS sono e saranno sempre aperte.

L’augurio di tutto il SOS per un felice 2015, insieme a un infinito ringraziamento, va a tutte le numerose Persone che a vario titolo sono vicine alla nostra Associazione e che la fanno sentire importante, ben voluta e ben vista da tutti.

Un mio speciale augurio e un grosso GRAZIE lo rivolgo agli altri membri del Direttivo, alla nostra Segreteria e alle nostre Commissioni, è più facile fare il presidente con dei collaboratori come Voi.

Ma il principale GRAZIE va sicuramente a tutti  i tutti i Volontari, ai Medici, agli Infermieri che quotidianamente fanno funzionare la macchina SOS,  rendono vive la sede, le ambulanze e i mezzi e le attrezzature di Protezione Civile, senza loro nulla di ciò che il SOS è dotato avrebbe senso e quindi non mi stancherò mai di ribadire che la forza del SOS sono le Persone.

 

Non me lo sono dimenticato, l’ho tenuto in fondo per darne più risalto.

Il 2015 per il SOS sarà l’anno dei venticinque anni di vita, correva infatti il 19 aprile 1990 quando è nato il SOS. Un importante e particolare ringraziamento lo rivolgiamo quindi ai Soci fondatori e a chi a reso possibile questa nascita.

Stiamo preparando i festeggiamenti, in pentola stanno bollendo parecchie idee, sicuramente condivideremo la festa con tutti e quindi tutti saranno invitati.

 

Buon Anno a Tutti.