Abbiamo incontrato nuovi amici – Parte II°….

(da “Abbiamo incontrato nuovi amici – Parte I°…..”)

 

A Settembre 2008, subito dopo le vacanze estive,  iniziò uno scambio via e-mail con un incaricato PRÓ-VIDA di Latina, attraverso il quale SOS fornì tutta la documentazione richiesta per le verifiche iniziali sull’Associazione (Atto Costitutivo, Statuto, Bilanci). Come accennato nel precedente articolo, la Centrale delle Decime  provvede affinché la totalità dei versamenti, senza eccezione,  venga destinata all’acquisto di beni e generi che sono donati ad organizzazioni di  assistenza sociale legalmente costituite senza fine economico e che dimostrano di compiere il loro dovere provvedendo degnamente e  responsabilmente alle necessità dei loro assistiti.

La richiesta di documentazione non ci trovò impreparati poiché da anni SOS si è ben strutturata in tutti gli aspetti che riguardano la gestione interna dell’Associazione.

In quel periodo, in parallelo, ci stavamo preparando per il percorso di certificazione alla Carta della Donazione con L’Istituto Italiano della Donazione. La richiesta di PRÓ-VIDA cadeva quindi a puntino in un percorso “virtuoso” che stavamo intraprendendo per il miglioramento della nostra organizzazione. Tutto questo ad avvalorare l’importanza della comunicazione che ogni organizzazione fa, sia all’interno sia all’esterno di essa : cosa si fa, perché lo si fa, come lo si fa, che risultati si raggiungono. Tutti aspetti importanti che devono emergere, in un ottica di trasparenza di gestione che eleva la “fiducia” da parte di tutti gli “stakeholders” (è un termine anglosassone ultimamente in voga che letteralmente significa “portatori di interesse”; sono stakeholders i soci, i collaboratori, i finanziatori, i donatori, i fornitori, gli enti pubblici, gli utenti del nostro servizio,…. cioè tutte le persone o entità che, a vario titolo, sono coinvolte nella vita dell’Associazione).

 

A questo punto la comunicazione con PRÓ-VIDA era ufficialmente instaurata. L’idea e la speranza che potesse diventare un nostro sostenitore cominciava a prendere piede e a materializzarsi in atti concreti. Al nostro interno un po’ di “fibrillante attesa” iniziava a fare capolino……

Seguirono poi alcuni mesi di calma piatta, in cui PRÓ-VIDA non ci chiese ulteriore documentazione e i contatti, momentaneamente, si interruppero. Il pessimismo tipicamente italico cominciò un po’ a serpeggiare tra di noi : quei signori si sono più fatti vivi ? Hanno chiesto altre cose ? No ? Allora probabilmente non si fa più niente….. Quella latente percezione di sfiducia, virtù italica, nel prossimo e nelle cose ci faceva un po’ allontanare dal senso del momento : “La vita ti porta sempre quello che forse è giusto per te in quel momento , secondo una legge che non è degli uomini ma di qualcosa o qualcuno al disopra degli uomini, una legge Universale……”. Tutte le cose hanno un tempo di maturazione e bisogna saper aspettare che questo tempo si compia…..

 

Sulla spinta della Carta della Donazione e in base all’importanza della comunicazione, continuammo a mantenere il contatto con PRÓ-VIDA, inviando loro in maniera spontanea altra documentazione dell’Associazione : l’inserto informativo rivolto alla comunità inserito nel Baco da Seta (bimensile di informazione divulgato nel Comune di Sona), la conferma del raggiungimento della Certificazione. E ovviamente i nostri auguri per le festività Natalizie.

Seguirono altri mesi di silenzio, nei quali l’attività del SOS proseguirono a ritmo incalzante fino ad arrivare all’assemblea annuale di fine Marzo. Per altro fino a Novembre 2008 l’impegno della Certificazione fu abbastanza preponderante. Il 5 Novembre la conferma : SOS raggiunge l’obiettivo della certificazione. Grande risultato !

Le aspettative nel rapporto con PRÓ-VIDA vennero soppiantate dall’interesse e dalla giusta soddisfazione per questo risultato , nonché dall’impegno quotidiano nella gestione dell’Associazione…. E, con una sorta di rassegnazione, pensammo che la strada con PRÓ-VIDA si fosse chiusa.

All’orizzonte una nuova sfida per il SOS : il 06 Aprile un terribile terremoto sconvolge l’Aquila. Nella concitazione del momento, che coinvolge tutta l’Italia con immagini terribili e angoscianti, siamo chiamati a dare un altro segnale di concretezza. La Provincia di Verona chiama a raccolta le Associazioni di Soccorso Sanitario e di Protezione Civile del territorio, con lo scopo di organizzare una colonna di aiuti per le zone terremotate. L’8 Aprile mattino, un gruppo di 15 volontari del SOS, costituito da operatori di Protezione Civile e Sanitari si aggrega alla colonna dei soccorsi. La vita ci chiede ancora una volta di fare un dono : mettere a disposizione la nostra preparazione, i nostri mezzi, il nostro tempo, la nostra passione e il nostro cuore al servizio del prossimo in difficoltà. Un filo sottile ma importante ci collega ancora ai valori di PRÓ-VIDA……

 

continua nel prossimo articolo..