Sos Sona

26 Giugno 2014

Riforma del Terzo Settore : Volontariato che cambia.

Ufficio Stampa

Dal sito www.csv.verona.it

 

A pochi giorni dall’approvazione del disegno di legge delega per la riforma del Terzo settore, se ne discuteranno le novità al convegno Terzo Settore e riforma. Il volontariato tra semplificazione, rappresentanza, trasparenza. Verso un nuovo ruolo dei CSV organizzato dal CSV di Verona. Interverranno fra i relatori l’On. Edoardo Patriarca, presidente CNV, Stefano Tabò, presidente CSVnet, venerdì 4 luglio alle 16, nel Silos di Ponente dell’Università degli Studi di Verona (Economia Aziendale, via Cantarane, 24) sala B. E’ gradita l’iscrizione (gratuita).
Il convegno si terrà pochi giorni dopo la prevista approvazione del Consiglio dei Ministri del disegno di legge delega per la riforma del Terzo settore, una riforma che ha visto il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, grazie alla pubblicazione delle “Linee guida per una riforma del Terzo settore” lo scorso 13 maggio, con le quali il Governo ha invitato a inviare proposte e suggerimenti per contribuire. In particolare pone attenzione all’area del volontariato, offrendo l’opportunità di un confronto di alto livello.
Per questa occasione il Centro Servizio per il Volontariato di Verona (CSV) ha infatti inviato alcuni esponenti di istituzioni nazionali rappresentative del “sistema” del volontariato che hanno partecipato alla riforma.

Fra loro darà il suo contributo l’On. Edoardo Patriarca, presidente del Centro Nazionale per il Volontariato (CNV) che raggruppa 598 organismi di volontariato, strutture di servizio, Enti Locali, Regioni, Centri di Servizio tutti con un ruolo attivo nella promozione del volontariato in Italia, nonché presidente dell’Istituto italiano Donazione (IID), associazione indipendente che certifica la trasparenza, la credibilità, l’onestà dell’operato delle organizzazioni non profit, su standard riconosciuti a livello internazionale. Con Patriarca si farà una riflessione sulla riforma del Terzo settore, in particolare delle associazioni di volontariatno, si valuteranno gli strumenti di controllo apportati dalla riforma, ma anche i meccanismi per la trasparenza nella raccolta e nella gestione attraverso i quali le associazioni possono costruire un vero rapporto di fiducia con i donatori.

Con lui Stefano Tabò, presidente del Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSVnet) realtà che riunisce, oltre al CSV di Verona, una rete di 76 Centri di Servizio per il Volontariato su tutto il territorio nazionale (un totale di 409 sportelli), cui competono 8.770 organizzazioni di volontariato, che hanno partecipato alla consultazione online rispondendo all’invito e apportando suggerimenti alla riforma. Fra le proposte, l’aggiornamento della Legge quadro sul volontariato (266/91) e la promozione e riorganizzazione del “sistema” dei CSV, vera e propria infrastruttura sociale del Paese, radicata e articolata territorialmente. Con Tabò si discuterà il contributo dato alla riforma, considerato il ruolo dei CSV negli ultimi anni a supporto del volontariato, nonché l’importanza della rete che, di fronte al cambiamento e alle prospettive dovute al calo delle risorse, si è venuta a creare.

Un interessante contributo verrà dato da Maria Cristina Antonucci, ricercatrice in scienze sociali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Unità Operativa di Roma, e docente in associazionismo e rappresentanza del Terzo settore, Università Roma Tre, da molti anni impegnata nello studio di teoria e pratica delle lobby in Italia e nel mondo, che ha indagato le vicende del Terzo settore, con le sue difficoltà di dialogo verso le istituzioni politiche. E’ questa una criticità vissuta in particolare dalle associazioni “più piccole” cui si deve la conseguente richiesta di intermediazione ai CSV, anziché di rappresentanza: da qui la riforma verrà letta da Antonucci anche alla luce di una frammentazione delle realtà del volontariato che non facilita l’emergere di una sola voce, confermando anche in questo ambito l’Italia come “Paese dei campanili” e rendendo più complesso ottenere peso politico, coinvolgimento e partecipazione, in sostanza risultati.

In chiusura, alla luce del continuo calo di fondi e della conseguente necessità di trovare altre forme di finanziamento per il non profit, sarà di aiuto l’intervento di Raffaele Picilli, consulente in fundraising e fondatore di Raise the Wind, ente che eroga formazione, effettua ricerche sul fundraising e analisi comparative delle tecniche di raccolta fondi in Italia e all’estero. Picilli, chiarendo le potenzialità di questa attività, darà utili indicazioni alle organizzazioni di volontariato, ma anche ai CSV per una nuova frontiera utile al loro sostentamento.

Il convegno, al quale porterà i suoi saluti Anna Leso, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Verona, sarà moderato da Gianluca Testa, giornalista, direttore di Volontariato.oggi, redattore per il Corriere della Sera e per la sua nuova sezioneCorriere Sociale.

Introduzione e presentazione a cura di Chiara Tommasini, presidente del Centro Servizio per il Volontariato di Verona (CSV).chiara-tommasini

Terzo settore e riforma. Il volontariato tra semplificazione, rappresentanza, trasparenza. Verso un nuovo ruolo dei CSV si tiene venerdì 4 luglio dalle 16 alle 19 nel Silos di Ponente dell’Università degli Studi di Verona (Economia Aziendale, via Cantarane, 24) sala B.
Sono invitate a partecipare le associazioni di volontariato, i Centri di Servizio e le istituzioni, per condividere insieme le riflessioni sulla nuova normativa: a chiusura degli interventi si terrà un dibattito in sala.
Un aperitivo chiuderà i lavori del pomeriggio.
L’ingresso è gratuito previa segnalazione della propria partecipazione con form online. E’ garantito l’accesso ai portatori di disabilità.

 

 

Programma

Saluti
Anna Leso, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Verona

Introduzione e presentazione
Chiara Tommasini, presidente del Centro Servizio per il Volontariato di Verona (CSV)

Interventi
Edoardo Patriarca, presidente Centro Nazionale per il Volontariato (CNV) e Istituto italiano Donazioni (IID)
Stefano Tabò, presidente Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSVnet)
Maria Cristina Antonucci, ricercatrice in scienze sociali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
Raffaele Picilli, Consulente in fundraising e fondatore di Raise the Wind

Modera Gianluca Testa, giornalista

Dibattito 
Interventi del pubblico

Aperitivo


Segreteria organizzativa

CSV – Centro Servizio per il Volontariato di Verona
via Cantarane, 24 – c/o ex Caserma Santa Marta
37129 Verona
Tel. 045 8011978 – Fax 045 9273107
info@csv.verona.it – www.csv.verona.it

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment

progetto in rilievo

5x1000 2019

Anche quest'anno aderiamo al 5x1000 delle Associazioni di Sona. Un bellissimo PROGETTO DI RETE che vede coinvolte 11 Associazioni del nostro territorio.Donaci la tua FIDUCIA ponendo il Codice Fiscale del S.O.S. 93087790239 nell'apposito spazio sulla tua dichiarazione dei redditi. Per visionare il depliant informativo Clicca Qui

in evidenza

Sostieni il S.O.S. con una donazione Paypal. Esente da commissioni sia per chi dona sia per chi riceve. Fai click sul pulsante qui sotto per effettuare la tua donazione.Comunicaci i tuoi dati e provvederemo ad emettere una Ricevuta di Erogazione Liberale fiscalmente detraibile dalla tua dichiarazione dei redditi.



Banner1 Banner1 Banner1 Banner1